Difesa personale

/Difesa personale
Difesa personale2018-05-30T08:48:11+00:00
Sul Giornale un lungo articolo sui corsi di difesa personale di Mario Furlan

Qui sopra: sul Giornale un lungo articolo sui corsi di difesa personale di Mario Furlan

Dalle arti marziali alla difesa personale istintiva

Mario Furlan ha una lunga esperienza  nella difesa personale.

Da bambino è vittima di bullismo: per questo sua madre lo manda a praticare judo. Ma non si impegna, e arriva solo a cintura verde.
Successivamente, a 18 anni, si avvicina al karate shotokan: diventa cintura nera. Negli anni conosce il kung fu, il ninjitsu, il systema, la muay thai, la kickboxing. Ma si appassiona soprattutto a due arti marziali particolarmente adatte alla difesa personale da strada: il krav maga e il jeet kune do. Diventando istruttore di entrambe.

Forte della sua esperienza di coach e docente universitario di Motivazione e crescita personale, nel 2004 fonda lo Psicokrav, la psicologia applicata al krav maga. Nel 2009 lo Psicokrav, che si è sviluppato negli anni, diventa Autodifesa istintiva, o Wilding. Nello stesso anno esce il primo libro sul Wilding di Mario: “Donne basta paura!” (Sperling & Kupfer).

Nel 2014 ecco il suo secondo libro sulla difesa personale psicofisica: “Basta paura!”, oggi il testo base del Wilding. E nel 2016 Mario Furlan diventa docente di Autodifesa istintiva e psicofisica (Wilding) presso la facoltà di Criminologia all’università di Lugano. Mario è il primo in Europa ad aver portato la difesa personale nell’università!

Difesa personale: è tutta questione di testa!

Da una dozzina di anni Mario Furlan tiene corsi di difesa personale non solo per il pubblico, ma anche – e soprattutto – per aziende pubbliche e private. Dalla Polizia di Stato (Primo reparto mobile di Roma) alla Polizia locale di Milano; dalla società di vigilanza Axitea, per la quale Mario ha formato tutte le guardie giurate, ai medici e infermieri del pronto soccorso del Policlinico di San Donato Milanese, spesso vittime di aggressioni. Fino ad arrivare ad una decina di aziende di trasporto pubblico,  dove ha tenuto corsi per controllori, addetti alla vigilanza e autisti: Atm di Milano, Sadem di Torino, Apam di Mantova, Sab di Bergamo, Sia di Brescia, Arriva di varie città italiane…

Queste aziende chiedono a Mario Furlan corsi di difesa personale diversi dal solito. Basati molto più sull’aspetto psicologico e preventivo che su quello fisico.
“Se sei costretto a difenderti alzando le mani, o usando un’arma, hai già perso, comunque andrà a finire – dice Mario. – Puoi andare incontro ad una vita di problemi giuridici, tra tribunali e avvocati; nonché problemi fisici. E non dimentichiamo il rimorso per aver fatto del male a qualcuno, fosse anche un ladro. Quindi è molto meglio usare la testa ed evitare di essere identificati come vittime!”
Nei suoi corsi di difesa personale Mario insegna come. E lo insegnano anche i suoi coach, da lui formati. Non istruttori, ma coach: per sottolineare l’aspetto psicologico dell’autodifesa da lui creata.